Prima uscita del 5 per mille 2017. On line le liste provvisorie

Da quest’anno, in scena un elenco permanente che semplifica la procedura. Ancora in ascesa il numero degli aspiranti beneficiari: 7.805 i nuovi arrivati, per un totale di 56.581 iscritti. Fonte www.fiscooggi.it

Sono da oggi (11/05/2017 ndr) consultabili, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, gli elenchi degli iscritti provvisori alla ripartizione del 5 per mille dell’Irpef 2017. Quattro le categorie interessate: gli enti di volontariato (suddivisi in due parti, dalla lettera A alla C e dalla lettera D alla Z), la ricerca scientifica e dell’Università, la ricerca sanitaria e le associazioni sportive dilettantistiche.

A questo punto del percorso gli aspiranti sono complessivamente 56.581, ancora in ascesa rispetto agli anni precedenti, nel 2016, infatti, i candidati erano 50.239.

A primeggiare, come sempre, il volontariato, con 46.275 presenze, seguono le Asd con 9.730 iscritti, 460 sono gli enti che si occupano di ricerca scientifica e dell’Università, 107 quelli attivi nella sanità.

Da quest’anno, ricordiamo, la procedura è stata notevolmente semplificata (Dpcm 7 luglio 2016). In base alle nuove regole, gli enti presenti nell’elenco permanente degli iscritti, pubblicato lo scorso 31 marzo, a condizioni invariate, non hanno dovuto trasmettere la domanda di iscrizione per il 2017 né dovranno provvedere alla successiva dichiarazione sostitutiva, in quanto ancora valide quelle inviate per il 2016 (vedi articolo “Iscrizione agli elenchi 5 per mille: non serve ripresentare la domanda”).

Viceversa, ricordiamo che le organizzazioni di volontariato e associazioni sportive dilettantistiche non presenti nell’elenco permanente, invece, avevano tempo fino allo scorso 8 maggio per presentare istanza di iscrizione (il 7 maggio, scadenza ordinaria, era domenica).

Tornando alle liste provvisorie pubblicate oggi (11/05/2017 ndr), la consultazione è possibile seguendo tre diverse strade. Il motore di ricerca consente, infatti, di individuare gli iscritti per denominazione, codice fiscale o provincia.

L’Agenzia delle Entrate ha predisposto gli elenchi riguardanti volontariato e associazioni sportive mentre gli altri sono stati redatti e trasmessi dai ministeri competenti ovvero, rispettivamente, dal Miur e dal ministero della Salute.

Nel caso riscontrassero inesattezze, gli enti di volontariato e le Asd hanno tempo fino al prossimo 22 maggio per chiedere all’Amministrazione finanziaria di correggere gli errori rilevati.

Gli elenchi definitivi saranno online tre giorni dopo, ossia il 25 maggio.

La partita, comunque, prevede ancora, entro il 30 giugno, l’invio delle dichiarazioni sostitutive da parte delle organizzazioni di volontariato e delle Asd, rispettivamente, all’Agenzia delle Entrate e, per quanto riguarda le Asd, all’ufficio del Coni territorialmente competente.

Infine, il 2 ottobre è il termine per la regolarizzazione della domanda di iscrizione per il 2017 e/o per le successive integrazioni documentali.

Il beneficio, ricordiamo inoltre, non è previsto soltanto per le categorie degli elenchi pubblicati, tra gli aspiranti al contributo, infatti, sono presenti anche le attività sociali svolte dal Comune di residenza del contribuente o le attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici, a favore degli enti pubblicati sul sito del Mibact.

 

Per approfondimenti

 

 

Fonte www.fiscooggi.it del 11/05/2017.
Notizia censita da VOLABO il 16/05/2017.

 

Related Posts

X