5 per mille 2024, tutti gli elenchi disponibili per il Terzo settore

Dopo la pubblicazione di quello contenente i nuovi iscritti per l’edizione 2024, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha messo a disposizione anche quello permanente. Ecco come leggere e dove trovare gli elenchi con gli enti del Terzo settore, Onlus e Asd

Nei giorni scorsi sono stati pubblicati sul sito internet delle amministrazioni di riferimento gli elenchi dei nuovi iscritti al 5 per mille 2024 per quanto riguarda gli enti del Terzo settore (Ets), le Onlus e le associazioni sportive dilettantistiche (Asd). Tali elenchi non vanno confusi con gli elenchi permanenti 2024 riferiti alle stesse tipologie giuridiche appena menzionate.

In questo contributo proviamo a fare chiarezza su tali elenchi, fornendo informazioni su dove andare a trovarli.

Gli enti del Terzo settore

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha pubblicato, sulla sezione dedicata del sito istituzionale, l’elenco dei nuovi enti del Terzo settore accreditati al 5 per mille 2024 entro il termine del 10 maggio.

Si ricorda che in tale elenco sono contenuti solamente gli Ets che si sono iscritti per la prima volta al 5 per mille per l’edizione 2024 e non anche tutti gli altri enti del Terzo settore già accreditati al beneficio nei precedenti esercizi (quindi fino al 2023, compreso): questi ultimi sono infatti contenuti nell’elenco permanente 2024, anch’esso pubblicato nei giorni scorsi nella sezione dedicata del sito ministeriale.

Per quanto riguarda i nuovi iscritti al 5 per mille 2024, il legale rappresentante dell’ente può chiedere la rettifica di eventuali errori di iscrizione presentando un’istanza di variazione sul Runts. Entro il 10 maggio il Ministero pubblicherà l’elenco degli Ets neoiscritti con le eventuali variazioni apportate, indicando per ciascun nominativo la denominazione, la sede e il codice fiscale.

Sempre in relazione agli enti del Terzo settore, è stato di recente pubblicato sul sito del Ministero anche l’elenco aggiornato degli enti ammessi e quello degli enti esclusi al 5 per mille per l’anno 2023; entro il prossimo mese di giugno l’Agenzia delle entrate pubblicherà sul proprio sito gli elenchi degli enti ammessi ed esclusi dal beneficio, con l’indicazione delle scelte attribuite e dei relativi importi determinati.

Si ricorda che per poter ricevere le somme di cui si risulterà eventualmente beneficiari, è fondamentale per gli Ets aver comunicato al Runts il codice Iban del conto corrente intestato all’ente.

Le Onlus e le Asd

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito istituzionale l’elenco delle Onlus accreditate per la prima volta al 5 per mille 2024; in un’altra sezione del sito è invece possibile pubblicare consultare l’elenco permanente delle Onlus già accreditate per il 2024 (che contiene le Onlus accreditate al 5 per mille fino al 2023, compreso).

Per quanto riguarda le associazioni sportive dilettantistiche (Asd), l’ente di riferimento è il Coni: sul sito istituzionale di quest’ultimo è possibile consultare l’elenco delle Asd iscritte per la prima volta al 5 per mille 2024 così come l’elenco permanente delle Asd già accreditate per il 2024 (che contiene le Asd accreditate al 5 per mille fino al 2023, compreso).

Per maggiori approfondimenti sul tema vi segnaliamo:

 

Approfondimenti

  • Leggi gli altri aggiornamenti del portale di VOLABO relativi al 5 per mille >>
  • Leggi gli aggiornamenti sulla riforma del Terzo settore e le altre normative di interesse per gli enti di Terzo settore nella sezione del portale di VOLABO denominata News dalla consulenza >>

 

 

Fonte www.cantiereterzosettore.it | Notizia censita da VOLABO il 21/05/2024.
Notizia del 02/05/2024, aggiornato al 20/05/2024, di Daniele Erler – Cantiere terzo settore.
Foto e licenza d’uso acquisita attraverso depositphotos.com.
Le informazioni contenute in questo sito sono tratte dalle fonti ufficiali del portale della realtà che le ha pubblicate. Vengono ricontrollate più volte e con cura dalla redazione. VOLABO non è responsabile di eventuali inesattezze dovute a sviste o cambiamenti di contenuti non tempestivamente segnalate. Si invitano i lettori a usare l’area News dalla consulenza del portale di VOLABO come uno strumento di consultazione e di ricerca e di riferirsi alle fonti originali per reperire i contenuti e la documentazione ufficiale.

 

Related Posts