“Artisti per Casa Gialla”. Una mostra collettiva e un’asta solidale dedicata a Casa Gialla di Ageop Ricerca

“Artisti per Casa Gialla”. Una mostra collettiva e un'asta solidale dedicata a Casa Gialla di Ageop Ricerca. Fino al 17 ottobre la mostra è in Sala Borsa e dal 2 ottobre l'asta solidale prosegue on line

Una Mostra Collettiva dedicata ad Ageop Ricerca. Fino al 17 ottobre 2021 presso la Sala Scuderie di Sala Borsa, in Piazza del Nettuno 3 a Bologna, si può visitare la mostra collettiva dedicata ad Ageop Ricerca intitolata Artisti per Casa Gialla.

La mostra è stata organizzata da Ageop Ricerca con l’amichevole partecipazione di Adiacenze e WikiArte e lo scorso 26 settembre le opere esposte sono state oggetto di un’asta solidale condotta da Luca Bottura e Guido Catalano  entrambi amici di Ageop e vicini all’Associazione da molto tempo. Dal 2 ottobre l’asta si sposterà online sulla piattaforma CharityStars, dove sarà possibile fare un’offerta per le opera ancora disponibili.

Tutto il ricavato dalla vendita è destinato a Casa Gialla, l’ultimo tassello del sistema di accoglienza integrata che Ageop Ricerca mette a disposizione dei bambini e delle famiglie che seguono le terapie antitumorali presso il polo ospedaliero di Bologna.
In occasione dell’inaugurazione della mostra e del lancio dell’asta solidale la direttrice generale Francesca Testoni ha ripercorso la storia di Casa Gialla: “Nel 2015 Ageop ha firmato il contratto di rent-to-buy per Casa Gialla e fissato il rogito di acquisto nel 2021, senza immaginare che l’appuntamento sarebbe arrivato nell’anno della pandemia. Per far fronte all’impegno, di 1.136.000 Euro, Ageop nel 2020 ha lanciato la campagna ViviAmo Casa Gialla che ha permesso di raccogliere 418.838 Euro grazie alla solidarietà dei cittadini italiani e stranieri, di artisti e imprese. E così ad Aprile 2021 Ageop è riuscita a firmare il rogito e, grazie al mutuo decennale da 752.000 Euro concesso da UniCredit, oggi dispone di Casa Gialla. La raccolta fondi destinata a questa casa prosegue dunque e l’asta solidale è stata parte integrante di questa grande sfida. Una sfida però irrinunciabile: dal 2015 Casa Gialla ha ospitato 270 piccoli pazienti oncologici insieme ai genitori e ad oggi rappresenta un supporto concreto alla sanità pubblica, quale prolungamento degli spazi ospedalieri, funzionale alle dimissioni protette. Casa Gialla è la casa che ci consentirà di ospitarne sempre di più e nel modo più adeguato alla loro età e ai loro bisogni.”

Daniela Tozzi, co-direttrice artistica e fondatrice Adiacenze, presenta la mostra collettiva per Ageop Ricerca: “Artisti per Casa Gialla è una mostra collettiva molto particolare e sui generis. Viene dalla solidarietà di artisti e persone che fanno parte del mondo dell’arte, che si sono unite tutte non sotto una tematica comune, ma per uno scopo: una raccolta fondi per Ageop. Per questo motivo, nella mostra trovano collocazione opere di artisti molto diversi tra loro sia dal punto di vista tecnico (opere su carta, pezzi unici o a tiratura, piuttosto che fotografie), sia dal punto di vista dell’importanza degli artisti stessi che risulta molto eterogenea. Sono tutte opere donate dai più di trenta artisti partecipanti che hanno deciso di fare questo gesto non per visibilità ma per partecipare e dare un proprio contributo per una causa benefica e comune”

Artisti per Casa Gialla ospita 35 artisti: Andrea Sangalli, Anna Baldi, Chiara Pergola, Daniela Spagna Musso, Dino Fiorini, Eldi Veizaj, Elena Baboni, Elisa Muliere, Fabrizio “Bicio” Cadoppi, Francesca Assirelli, Gabrie Pittarello, Gian Luca Galavotti, Gino Tarozzi, Giovanni Manna, Gloria Francella, Karim Carella, Laura Zuccheri, Luca “Lufo” Longi, Luisa Bergamini, Pietro Franca in arte “Mastro Pennello”, Marco Fajer, Marco Ficarra, Marija Trkulja, Matteo Alessandro D’Antona, Mili Romano, Mona Lisa Tina, Monica Tirelli, Paolo Domeniconi, Roberto Re, Rubens Fogacci, Stefano Manzotti, Stefano W. Pasquini, Tiziano Tamburini, Vittoria Facchini e Yocci.
Altri, per un totale di 42 artisti, erano già presenti con le loro opere quando il 17 ottobre dello scorso anno Ageop ha colorato il “crescentone” di Piazza Maggiore con migliaia di disegni inviati da centri estivi, scuole, aziende e privati. A tutti gli artisti che hanno donato la loro arte, va il più sentito ringraziamento dell’Associazione.

Dal 2 ottobre l’asta si sposterà online sulla piattaforma CharityStars, dove sarà possibile fare un’offerta per le opera ancora disponibili. È possibile inviare una prelazione per le opere in catalogo, scrivendo a monica.simoni@ageop.org.

Ogni anno in Italia oltre 10 mila bambini e adolescenti si ammalano di patologie gravi o croniche e i tumori dell’infanzia sono circa l’1-2% di tutte le neoplasie. Grazie a un approccio medico che considera il bambino non un ‘piccolo paziente’ ma un paziente con esigenze diverse rispetto all’adulto, oggi più del 70% dei tumori in generale e il 90% delle leucemie in pediatria possono essere guariti, stando ai dati AIEOP (Associazione Italiana Ematologia Oncologia Pediatrica). Molto hanno contribuito le associazioni di volontariato con il loro impegno perché mai si possa dimenticare il diritto dei minori di età ad essere bambini e adolescenti, sempre, anche se ammalati.

La mostra “Artisti per Casa Gialla” è patrocinata da: Regione Emilia-Romagna, Città Metropolitana di Bologna, Comune di Bologna, Bologna Biblioteche – Biblioteca Salaborsa, IRCSS Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Sant’Orsola di Bologna, Confcommercio Bologna.

L’ingresso è libero, per l’accesso è necessario il green pass.

Per informazioni

Ufficio stampa Ageop Ricerca
Roberta Zampa | 340 6288237
Andrea Ferraro | 348 7287115

Fonte della notizia e dell’immagine: Ageop Ricerca

Related Posts