Al via il terzo bando regionale per finanziare progetti di recupero alimentare a fini di solidarietà sociale

Regione Emilia-Romagna: 1 milione di euro per sostenere i progetti del Terzo settore. Domande da presentare in via telematica a partire dalle ore 10.00 del 20 marzo e fino alle ore 12.00 del 17 aprile 2024.

Con Deliberazione di Giunta regionale n. 362 del 4 marzo 2024 è stato approvato il bando per la presentazione di progetti volti a sostenere attività solidaristiche di recupero, stoccaggio e distribuzione diretta e indiretta ai destinatari finali di beni alimentari e non alimentari e per la produzione e distribuzione di pasti a favore delle persone in povertà.

Ammonta a 1 milione di euro la somma che anche quest’anno la Giunta regionale ha destinato ai progetti realizzati dal Terzo settore per dare un sostegno concreto alle famiglie e alle persone che si trovano in una condizione di povertà tale da non riuscire a soddisfare un bisogno essenziale quale l’accesso cibo.

Il bando è riservato a Organizzazioni di VolontariatoAssociazioni di Promozione SocialeEnti del Terzo settore, iscritti al Registro Unico Nazionale (RUNTS) e ONLUS iscritte all’anagrafe dell’Agenzia delle entrate emiliano-romagnole che prevedano nel proprio statuto le finalità del recupero e redistribuzione gratuita di beni alimentari a fini di solidarietà sociale e/o la lotta allo spreco.

Le proposte dovranno essere presentate entro il 17 aprile e potranno riguardare azioni di sistema di rilievo regionale per il potenziamento delle reti, iniziative territoriali di recupero, stoccaggio ed erogazione gratuita di prodotti alimentari e non (es. igiene personale, igiene della casa, alimenti per animali domestici ecc.), produzione e distribuzione di pasti pronti alle persone in grave difficoltà economica.

Vedi la pagina del Bando >>

Azioni finanziabili e risorse

Tra i progetti finanziabili il potenziamento e l’avvio degli empori solidalipunti di distribuzione al dettaglio completamente gratuiti con una funzione solidaristica di grande rilievo nella nostra Regione, oltre che mense e centri di distribuzione pasti. Verranno valorizzati aspetti come la capacità di accompagnare l’aiuto materiale al sostegno alle persone attraverso attività di accompagnamento e di cura delle relazioni, la promozione di stili di vita sani, la riduzione degli sprechi e degli impatti sull’ambiente, la sinergia con l’Ente pubblico del territorio, la capacità di costruire reti e di sensibilizzare in particolare i giovani alla cultura della solidarietà e del contrasto allo spreco.

Il valore massimo dei progetti sarà di 100.000,00 euro per quelli regionali e 50.000,00 per quelli territoriali che potranno avere anche dimensione sovradistrettuale o provinciale. Il contributo regionale sarà ricompreso tra l’80 e il 100% di quanto richiesto in base al punteggio ottenuto dalle singole proposte.

Modalità per partecipare al bando

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente in via telematica utilizzando un apposito servizio on-line che sarà attivo a partire dalle ore 10.00 del 20 marzo e fino alle ore 12.00 del 17 aprile 2024.

I progetti dovranno avere una durata di almeno 18 mesi e concludersi entro il 31 dicembre 2025 (salvo proroga massima di 3 mesi). Saranno ammissibili le spese sostenute dal 1° gennaio 2024.

 

Cerchi altri bandi per il tuo ente del Terzo settore?

Scopri tutte le opportunità di finanziamento per il non profit pubblicate nella sezione del portale di VOLABO denominata Bandi e concorsi >>

 

 

Fonte sociale.regione.emilia-romagna.it | Notizia censita da VOLABO il 08/03/2024.
Foto e licenza d’uso acquisita attraverso depositphotos.com.
Le informazioni contenute in questo sito sono tratte dalle fonti ufficiali degli enti finanziatori. Vengono ricontrollate più volte e con cura dalla redazione. VOLABO non è responsabile di eventuali inesattezze dovute a sviste o cambiamenti di procedure e scadenze non tempestivamente segnalate. Si invitano i lettori a usare l’area Bandi e concorsi del portale di VOLABO come uno strumento di consultazione e di ricerca e di riferirsi alle fonti originali per reperire la documentazione e verificare le procedure ufficiali.

 

Related Posts