Via al Premio innovatori responsabili 2024

I temi al centro della decima edizione: attrazione talenti, comunità energetiche rinnovabili, plastic free e riduzione dei rifiuti. Candidature entro il 15 luglio.

Il contributo del sistema produttivo e formativo emiliano-romagnoli rispetto agli obiettivi fissati dal Patto per il lavoro e il clima e dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Soprattutto in risposta alle emergenze economiche e sociali determinate dai conflitti in Ucraina e in Medioriente, nonché dalla crisi climatica e dall’aumento dei costi di energia e materie prime.

Sono questi i temi al centro della edizione numero dieci del Premio innovatori responsabili, il riconoscimento della Regione dedicato a esperienze di innovazione delle imprese dell’Emilia-Romagna e istituito in attuazione della legge regionale 14 del 2014 per promuovere la cultura della responsabilità sociale d’impresa e l’innovazione sociale.

Per partecipare alla selezione occorre candidarsi online da questa pagina dal 10 giugno al 15 luglio prossimi.

Chi può partecipare 

Possono presentare progetti imprese di ogni settore e dimensione, professionisti, scuole superiori, università, Fondazioni Its, Istituti Afam ed enti di formazione, purché operanti con sedi in Emilia-Romagna.

Le proposte candidate saranno valutate in base al contenuto di innovazione, al coinvolgimento di pubblici e/o privati, agli impatti generati sul territorio e nel contesto di riferimento, alla replicabilità e alla individuazione di risultati misurabili.

I numeri dei primi 9 anni: grande partecipazione delle imprese 

Nelle prime nove edizioni del premio sono stati presentati 689 progetti. Hanno contributo ben 404 imprese, ma anche 30 tra scuole università ed enti di formazione. Si aggiungono poi 25 associazioni, 35 liberi professionisti e 13 enti pubblici.

Il Premio edizione 2024 

Tra le novità di questa decima edizione l’introduzione di due ulteriori riconoscimenti. Il primo riguarda il Premio attrazione dei talenti per dare rilievo alle iniziative a favore della valorizzazione dei soggetti a elevata specializzazione che attivino azioni coerenti con le politiche regionali. E il premio per la Migliore strategia per lo sviluppo sostenibile, destinato alle imprese e ai professionisti con sede legale in Emilia-Romagna che abbiano adottato azioni sostenibili integrandole nella propria strategia aziendale.

Ulteriori riconoscimenti potranno essere assegnati a iniziative innovative su alcune tematiche rilevanti per l’azione regionale, quali a esempio la sostenibilità nella moda, l’attuazione della strategia #PlasticFreER e delle misure contenute nel programma regionale di prevenzione della produzione di rifiuti.

È confermata l’attribuzione del premio Ged (gender equality and diversity label) ai progetti che si distingueranno per l’impatto positivo sul tema delle pari opportunità (SDGs 5) e del premio Cer per valorizzare le iniziative che favoriscono la nascita e la diffusione delle comunità energetiche rinnovabili in Emilia-Romagna.

I vincitori di questa edizione del premio saranno resi noti durante l’evento di premiazione che si terrà entro il 31 dicembre 2024. Tutti gli ammessi al premio saranno inseriti nell’elenco degli innovatori responsabili.

Il bando >>

 

Cerchi altri bandi per il tuo ente del Terzo settore?

Scopri tutte le opportunità di finanziamento per il non profit pubblicate nella sezione del portale di VOLABO denominata Bandi e concorsi >>

 

 

Fonte imprese.regione.emilia-romagna.it | Notizia censita da VOLABO il 29/05/2024.
Foto e licenza d’uso acquisita attraverso depositphotos.com.
Le informazioni contenute in questo sito sono tratte dalle fonti ufficiali degli enti finanziatori. Vengono ricontrollate più volte e con cura dalla redazione. VOLABO non è responsabile di eventuali inesattezze dovute a sviste o cambiamenti di procedure e scadenze non tempestivamente segnalate. Si invitano i lettori a usare l’area Bandi e concorsi del portale di VOLABO come uno strumento di consultazione e di ricerca e di riferirsi alle fonti originali per reperire la documentazione e verificare le procedure ufficiali.

 

Related Posts