Bologna, l’ottico che regala occhiali ai bambini bisognosi

BOLOGNA – Un paio di occhiali da vista a tutti i bambini che ne hanno bisogno ma che non possono permetterselo. E’ il regalo che uno storico negozio di Bologna, l’Ottica Garagnani, fa a se stesso e alla città per i suoi 90 anni di attività. L’idea è di Andrea Garagnani, titolare oggi del negozio, 65 anni, ottico per l’Amoa (Medici oculisti per l’Africa): con “La favola per gli occhiali”, progetto in collaborazione con il Comune e l’Ausl di Bologna, promette di regalare il giusto paio di occhiali a tutti i bambini sotto i 14 anni di Bologna, in difficoltà economiche, per i quali emergeranno difetti di vista dopo una visita gratuita. E a sua iniziativa fa il giro del web.
Per Andrea Garagnani questo è il modo di “restituire qualcosa a una città che ci ha dato tanto”. Il progetto, spiega numeri ala mano l’assessore alla Saute Luca Rizzo Nervo, “riguarda un bacino di circa 2.100 minori”, ed è  “un esempio perfetto di ‘welfare di comunità”. Anche il direttore del dipartimento di cure primarie dell’Ausl, Mara Morini, loda l’iniziativa, affermando che “non si tratta di un’azione di grande visibilità come, ad esempio, la costruzione di un reparto, ma di un piccolo gesto che risponde, in modo capillare, ad un bisogno reale”.

Come partecipare. Ai genitori di bambini da 0 a 14 anni – selezionati dai Servizi del Comune – arriverà a casa una lettera che illustrerà nei dettagli i passi da fare; chi non ha mai fatto visita oculistica e ravvisa problemi di vista, dovrà recarsi presso il proprio pediatra o medico di base per una verifica ed eventuale richiesta di visita oculistica; successivamente, muniti della  prescrizione specialistica e attraverso l’intervento dei Servizi Sociali  territoriali, ci si dovrà recare presso i negozi di Ottica  Garagnani per ottenere gli occhiali. Destinatari sono i bambini sotto i 14 anni già in carico ai Servizi Sociali del Comune e i minori stranieri non accompagnati già seguiti dall’Area Benessere di Comunità.

(Fonte: Repubblica.it, 4 aprile 2016)

Related Posts