Festa degli Alberi 2018: 48 nuove piante e 53 appuntamenti per vivere la natura e riflettere sull’ambiente

Mostre, passeggiate, escursioni, degustazioni, laboratori, incontri, feste, concerti, conferenze, letture, spettacoli e piantagioni. Sono gli ingredienti della Festa degli Alberi 2018, in programma dal 21 novembre al 2 dicembre a Bologna e in nove comuni dell’area metropolitana, promossa da Comune di Bologna, Fondazione Villa Ghigi e Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini, con il patrocino della Città Metropolitana di Bologna.

La Festa degli Alberi (Arbor Day) è nata negli Stati Uniti nel 1872, lo stesso anno in cui venne istituito il primo parco naturale del mondo, quello di Yellowstone. Nella prima edizione furono piantati migliaia di alberi in Nebraska e in altri stati americani. Nei decenni successivi la festa si è diffusa in numerosi altri paesi del mondo, in Italia è arrivata alla fine dell’800.

Da 12 anni il Comune di Bologna ha ripreso questa tradizione, corrispondendo alle sollecitazioni venute dai ministeri dell’Ambiente e dell’Istruzione per recuperare la consuetudine della festa, che ha assunto la denominazione di Giornata Nazionale degli Alberi e in Italia si celebra il 21 novembre.

Negli anni scorsi sono stati piantati molti esemplari arborei negli spazi verdi scolastici della città e anche quest’anno nuove piante verranno messe a dimora in diverse scuole. Come accade da diversi anni alla messa a dimora di nuovi alberi si aggiunge un ricco e fantasioso calendario di iniziative scaturite dalla passione, dalle idee e dall’amore per la natura di tanti soggetti attivi in città e nel territorio bolognese sui temi ambientali: 12 giorni, 53 proposte, 60 soggetti coinvolti tra strutture educative, musei, biblioteche, librerie, associazioni, gruppi e altri soggetti che si occupano di natura, ambiente, escursionismo, cultura, arte. Nell’edizione 2018 a Bologna, in centro, periferia, collina, e anche in una decina di comuni dell’area metropolitana tanti interessanti appuntamenti, gratuiti e a pagamento, coinvolgeranno bambini e adulti a scoprire il mondo della natura e a riflettere su temi ambientali.

In particolare, nei giorni della festa il Comune di Bologna pianterà 48 alberi nei giardini di 9 scuole (dai nidi alle primarie) e altri 20 esemplari in un giardino pubblico nell’ambito del progetto Gaia. Altri alberi saranno messi a dimora a cura di Legambiente e nel Bosco della Scienza dell’Oasi dei Saperi.

Tra gli appuntamenti spicca “Che cosa sta accadendo agli alberi?”, il 30 novembre alle 15.30, nella Biblioteca IBC “Giuseppe Guglielmi” di via Marsala 31, tavola rotonda organizzata dal Comune di Bologna per ragionare sui recenti disastri ambientali, su quello che dobbiamo aspettarci nel prossimo futuro e sulle misure più idonee a contenere pericoli e danni in città e nel territorio bolognese. Partecipano Roberto Diolaiti, direttore del Settore Ambiente e Verde del Comune di Bologna e presidente dell’Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini, Alberto Minelli – Università di Bologna, Teodoro Georgiadis – CNR, Daniele Lugaresi – Agri 2000, Vincenzo Blotta – dottore forestale, Fabio Cocchi – Comune di Bologna.

Durante la Festa degli Alberi la Fondazione Villa Ghigi organizza visite guidate tra querce, pioppi, frassini e vecchi alberi da frutto del Parco Villa Ghigi. Un’iniziativa già sperimentata lo scorso anno che viene riproposta gratuitamente per tutte le scuole di Bologna. Sul proprio profilo Facebook la Fondazione Villa Ghigi ogni giorno dal 21 novembre al 2 dicembre caricherà una foto di una specie arborea fornendo dati di presenza sul territorio bolognese e altre curiosità.

Info 051.3399084 – 3399120
scuole@fondazionevillaghigi.it

Alla Festa degli Alberi 2018 hanno aderito:

AICS Bologna, ASPPI, Aula Didattica Parco Grosso, associazioni 8cento, Baba Jaga, Bosco delle Arti, Castel Merlino, Crexida, Gruppo Fortemente del centro sociale Lunetta Gamberini, Laboratorio Bolognese Restauro Legno, Labù, Le Ali della Fantasia, Le Ortiche, Ludovarth, Oasi dei Saperi, Porto15, SALTinBANCO, Selenite, Sostenibilità e Territorio “Antonino Morisi”, Vitruvio, UPM – Un Punto Macrobiotico, Azienda agricola Magli Tonino, Biblioteca dei Bambini, Biblioteche Casa di Khaula, Corticella, Lame “Cesare Malservisi”, Boscobo Relax e Natura, Ca’ la Ghironda -ModernArtMuseum, Circolo Fattoria Urbana, Comuni di Castenaso e Zola Predosa e associazioni dei rispettivi territori, Comitato Giardino della Scuola dell’infanzia Cantalamessa, Cooperativa Agriverde, Cooperativa Madreselva, Felsineo, FIAB, Fienile Fluò, Florsilva, GEV Guardie Ecologiche Volontarie Bologna, IBC Emilia-Romagna, Istituto Agrario Serpieri, LEA Villa Scandellara, Legambiente Emilia-Romagna, Museo dei Botroidi di Luigi Fantini, Percorsi ricreattivi, Parco Museale di Val di Zena, Raccolta Lercaro, Scuole dell’Infanzia 2/3 e Nido Giaccaglia Betti, Scuole Primarie Don Milani, Marsili e Villa Torchi, Scuole Primarie di Castenaso, SET Il tempo dei giochi, La soffitta dei libri, Tasso Inventore, Sistema Museale di Ateneo – Orto Botanico, Sustenia, Teatro dei Mignoli, WWF Sezione Bologna Metropolitana.

Fonte: www.iperbole.bologna.it

Related Posts

X