Greenpeace Bologna lancia un network di locali #PlasticaZero

In occasione della Giornata Mondiale degli Oceani, che si è celebrata l’8 giugno, i volontari e le volontarie di Greenpeace Bologna hanno scelto di rilanciare l’dea nata nell’estate del 2019 di creare una rete di locali che hanno deciso di entrare in azione per ridurre l’inquinamento da plastica di mari e dei oceani.

L’obiettivo è di costruire un network di bar e locali di ristorazione che si impegnano concretamente a non usare prodotti in plastica usa e getta. Ora che l’emergenza sanitaria sta allentando la morsa, Greenpeace Bologna è pronta a rilanciare le azioni di sensibilizzazione verso la tutela dell’ambiente, per ripartire col piede giusto dai progressi fatti in merito ai rifiuti, che per via del Covid sono stati quasi vanificati.

Diventare un locale #PlasticaZero significa aderire ai nove punti del Manifesto ed eliminare i prodotti di plastica usa e getta più diffusi, dai bicchieri di plastica alle cannucce, dai piatti alle bottiglie. I locali della rete rendono pubblica la loro adesione esponendo il logo dell’iniziativa, e si impegnano a promuovere attività per sensibilizzare i propri clienti e fornitori su tale problematica, ad esempio organizzando aperitiviplastic-free o diffondendo le loro buone azioni ai colleghi per far sì che si diffonda questa iniziativa. 

Ad ogni locale che deciderà di aderire Greenpeace Bologna consegnerà la locandina da appendere in vetrina per informare la clientela di far parte della rete plastica ZERO e ci sarà la possibilità di organizzare un evento di presentazione del locale che si è aggiunto alla rete.

Per informazioni:

Contatti Gruppo Locale di Bologna | gl.bologna@greenpeace.it

Fonte immagine: Greenpeace

Related Posts