“Home”, la nuova edizione di “Atlas of Transitions Biennale”

Bologna ospita Home, la nuova edizione di Atlas of Transitions Biennale, dieci giornate di performance, mostre, workshop, convegni, concerti e film, incontri, dj-set che, dal 1 al 10 marzo, esploreranno il concetto di “casa” secondo varie prospettive.

Esistono infatti diverse condizioni di vita che si legano alla nozione di casa: “lasciare casa” o “essere-a-casa”, “sentirsi o non sentirsi a casa”, guardando alla casa lasciata, alle case ritrovate, alle trasformazioni del lavoro domestico e di cura, alla pelle come casa, al portato culturale e memoriale di cui ognuno è vettore vivente.

Su questa scia il calendario di eventi invita i cittadini a scoprire con occhio curioso le pratiche culturali e i saperi dei paesi d’origine dei migranti; rende protagoniste artiste provenienti da Costa d’Avorio, Mali, Estonia, Ruanda, Siria, Palestina, Cuba; instaura una relazione privilegiata con le comunità straniere; progetta azioni con adolescenti, dà spazio alle ricerche artistiche delle seconde generazioni e investiga il confine tra arte e attivismo. I diversi spazi del DAMSLab – Dipartimento delle Arti si trasformeranno per diventare il principale campo di azione delle attività.

Quest’anno HOME prende vita in contemporanea con la XIV edizione di VIE Festival, con l’obiettivo di intersecarne la programmazione.

L’iniziativa è parte di Atlas of Transitions, progetto europeo promosso da ERT in collaborazione con Cantieri Meticci e Dipartimento di Sociologia e Diritto dell’Economia dell’Università di Bologna in rete con 10 partner in 7 paesi europei, e cofinanziato dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea.

Per informazioni:
Consulta il programma
https://www.facebook.com/atlasoftransitionsitalia/

 

Related Posts

X