Imola, 21 maggio | Memoria dono identità | ULTIMI POSTI

IVEUDDT_logo_02ULTIMI POSTI DISPONIBILI PER
MEMORIA DONO IDENTITÀ
Giornata di riflessione sulla cultura del dono
Sabato 21 maggio dalle 9 alle 14
Imola
Sede didattica del Polo formativo dell’AUSL |
P.le G. dalle Bande Nere 11
Teatro Lolli | via C. Sforza 3

LE DICHIARAZIONI DEI RELATORI
Segui le dichiarazioni dei relatori anche su facebook

Sabato 21 maggio si terrà a Imola il seminario Memoria dono identità, riflessione multidisciplinare attorno al tema del dono inteso come processo più ampio e articolato che coinvolge la memoria e l’identità.  La pratica del dono è un’esperienza che apre nuove visioni su se stessi, sugli altri, sulla vita passata e futura e sul mondo. Rinnova la storia e l’identità delle persone che si incontrano nella relazione di dono, le riorienta e le trasforma. Come ha affermato Ennio Sergio, psicologo del DSM-DP dell’AUSL di Imola, che modererà l’incontro in plenaria: “I nostri confini non sono qualcosa di statico e inconfutabile, li ricostruiamo quotidianamente e in questa costruzione l’altro rappresenta per noi un grande dono”. Dono memoria e identità vuole essere un’occasione per confrontarsi sulle diverse prospettive di lettura e di pratiche del dono come possibilità di rigenerazione delle relazioni e del benessere di una comunità. Attraverso i contributi di esperti di eccezione afferenti a diverse discipline, verrà abbandonato il concetto più tradizionale di dono partendo dal mettere in discussione l’idea di asimmetricità tra chi dona e chi riceve. L’intento sarà quello di riattualizzare il concetto e la pratica di “dono” per ritrovarvi un senso dinamico, innovativo e resiliente che fa bene alla società e far stare bene le persone.

Nella prima parte della mattinata, i partecipanti si distribuiranno in quattro gruppi e, con la facilitazione degli esperti, elaboreranno una lettura del dono da una particolare prospettiva.  Un primo gruppo di lavoro tratterà la tematica L’incontro con l’altro come scoperta di noi stessi, moderato da Arrigo Chieregatti, direttore della collana InterCulture, che si focalizzerà sulla relazione tra volontariato e gioia: “Il volontariato – secondo Chieregatti – è l’espressione della propria relazione con gli altri. La cura degli altri è la dimensione del volontariato, della volontà di stare con gli altri”. Amico Dolci, Presidente del Centro per lo sviluppo creativo Danilo Dolci, condurrà il gruppo che sperimenterà La maieutica reciproca, “una metodologia che ha molto a che fare con il dono perché – secondo Dolci  – nella comunicazione avviene un passaggio di pensieri da un persona all’altra, con una reciproco arricchimento. Questo dono circolare crea una consapevolezza nei soggetti dello scambio che prima non c’era”. Il rapporto tra dono e identità sarà discusso sotto una prospettiva di stampo antropologico nel gruppo condotto da Giuseppe Licari, direttore della Rivista Narrare i gruppi. “La prima relazione di dono si attiva con la nascita: donare al mondo un figlio già comporta uno scambio tra il soggetto e il contesto. Sul piano antropologico, donare significa attivare un processo circolare di comunicazione e crescita”.  Il concetto di dono come narrazione e racconto sarà discusso nel gruppo La narrazione: esperienza individuale o costruzione di comunità?, condotto da Andrea Pagani, insegnante e scrittore. “La scrittura infatti – secondo Pagani – può essere concepita in una chiave di condivisione e di dono sia in relazione al lettore che nella esperienza stessa di scrittura di un testo. La scrittura è originariamente un’esperienza di confronto e relazione con gli altri  riguardo alle proprie idee e visione della vita”.

Leggi il programma

L’iniziativa è promossa da VOLABO – Centro Servizi per il Volontariato della Città Metropolitana di Bologna in collaborazione con il DSM-DP della AUSL di Imola e con altre associazioni della rete imolese nell’ambito del calendario di eventi di “Oltre la siepe – La salute mentale è un diritto di tutti: anche il tuo!”, e rientra tra le attività formative dell’Università del Volontariato di Bologna. “Memoria dono identità” è il secondo appuntamento imolese della rassegna Il Volontariato è un dono di tutti. La cultura del dono per stare bene.

La partecipazione è gratuita, fino a esaurimento posti. Saranno riconosciuti i crediti ECM per le categorie di operatori socio-sanitari elencate nel programma.

Per iscriversi al seminario: La Scheda Online | I dipendenti dell’AUSL di Imola devono iscriversi inviando mail a: e.sergio@ausl.imola.bo.it

Per informazioni:
VOLABO – Centro Servizi per il Volontariato della Città Metropolitana di Bologna
Via Scipione Dal Ferro 4 | 40138 Bologna | 051 340328
Area Formazione e Sviluppo competenze
formazione.corsi@volabo.it
AUSL Imola | Ennio Sergio
e.sergio@ausl.imola.bo.it  | 338 3874547 | 338 3874547

Per la stampa:
VOLABO – Centro Servizi per il Volontariato della Città Metropolitana di Bologna
Via Scipione Dal Ferro 4 | 40138 Bologna | 051 340328comunicazione@volabo.it | 345 5507984

IVEUDDT_logo_02Memoria dono identità. Giornata di riflessione sulla cultura del dono è un’iniziativa promossa da VOLABO – Centro Servizi per il Volontariato della Città Metropolitana di Bologna in collaborazione con il DSM-DP della AUSL di Imola, l’associazione Oltre la siepe – La salute mentale è un diritto di tutti: anche il tuo! e la rete delle associazioni imolesi che ha aderito. “Memoria dono identità” fa parte di Il Volontariato è un dono di tutti. La cultura del dono per stare bene, una rassegna di eventi culturali che vuole fare parlare, riflettere ed emozionare le persone davanti a storie ed esperienze di dono che tutti i giorni, in diversa misura e in diversa maniera, incidono positivamente sul benessere e la salute della gente, dei luoghi e delle relazioni. Un nuovo appuntamento in città per fare crescere la consapevolezza che donare è facile per tutti e fa bene a tutti. Per informazioni sul progetto e i prossimi appuntamenti: La pagina Facebook | La pagina web

Related Posts

X