Imparare un mestiere in carcere

Cosa significa imparare un mestiere in carcere? Significa tante cose. Una di queste è confrontarsi ogni volta con i tuoi compagni, imparare a lavorare in gruppo e aiutarsi a vicenda a cercare di risolvere tutti i problemi nell’ambito lavorativo. Questa realtà è il corso di metalmeccanico organizzato dalla Fondazione Aldini Valeriani per lo sviluppo della cultura tecnica.

di Fatmir Mysliaka

Al corso partecipiamo in 15 ragazzi, tutti motivati e consapevoli di quello che ci può dare a livello professionale questa esperienza. Il corso si divide in due parti, quella teorica e quella pratica. La prima parte consiste nello studio dei metalli e della loro caratteristiche; imparare a leggere il disegno tecnico ed essere in grado di interpretarlo è la parte fondamentale, oltre a conoscere tutta l’attrezzatura che serve ad un operatore meccanico.

La seconda parte è dedicata alla pratica in cui si imparano a usare le macchine utensili (tornio, fresatrice, trapani fissi, ecc…). Poi si passa all’aggiustaggio, ovvero la tecnica per capire il pezzo difettoso di una macchina ed essere in grado appunto di aggiustarlo. Infine, si apprende l’assemblaggio delle macchine, in particolare quelle per l’impacchettamento.

Tutto questo fa parte del progetto Fare azienda in Dozza, realizzato dalle tre aziende leader nel mondo per le macchine di impacchettamento automatizzate, Ima, GD e Marchesini, le quali, dopo aver terminato il corso, ci danno l’opportunità di essere assunti in azienda.

Il nostro impegno è di dimostrare alle persone che credono in noi la voglia di cambiare e di reinserirsi nel mondo del lavoro.In questo modo si darà ancora più credibilità a questo progetto, così che in futuro altre aziende possano contribuire con progetti simili.

Related Posts