Le collaborazioni dei volontariati e di VOLABO durante la pandemia

Diversi i progetti promossi insieme alle amministrazioni locali e alle maggiori reti associative del territorio che danno prova di un volontariato pronto e unito durante l’emergenza epidemiologica sempre affiancato e sostenuto dal CSV. “La collaborazione con VOLABO è da sempre molto preziosa per la nostra comunità. Durante la pandemia, il progetto L’Unione Fa La Spesa ha consentito di portare a domicilio la spesa a centinaia di persone in condizioni di particolare o estrema fragilità” a parlare è Marco Lombardo, Assessore del Comune di Bologna alle Politiche di Welfare e Terzo Settore che a questo proposito rivolge un importante invito al nuovo Presidente “Auguro al nuovo Presidente buon lavoro e lo invito il 5 luglio, in occasione della Giornata di Ringraziamento al Terzo Settore, a portare all’attenzione della cittadinanza, la testimonianza delle attività di volontariato che non si sono fermate neanche durante l’emergenza COVID19”.

In totale sintonia l’intervento della Sindaca di San Lazzaro, Isabella Conti Amalio Emporio Solidale è il simbolo del grande lavoro di squadra tra la nostra amministrazione e VOLABO. L’impegno e la dedizione con i quali il CSV ha coordinato il lavoro dei volontari è stato fondamentale per poter dare risposte rapide e concrete ai nostri cittadini in difficoltà durante l’emergenza economica e sanitaria da Covid-19. Grazie al lavoro instancabile di VOLABO e dei suoi volontari, accanto agli operatori del Comune e alle associazioni del territorio, siamo riusciti ad aiutare oltre 400 persone coordinando le raccolte straordinarie di beni essenziali, ampliando in tempi rapidissimi il nostro emporio e riuscendo a portare del tutto gratuitamente la spesa a casa a circa 90 famiglie durante il lockdown”.

Anche Stefano Brugnara, portavoce del Forum del Terzo Settore (FTS) di Bologna accoglie il nuovo Presidente del CSV ricordando le diverse collaborazioni nei mesi scorsi – una tra le tante, la distribuzione di 9.100 mascherine messe a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna per gli ETS attivi durante l’emergenza Covid-19 –  e sottolineando che “non è di tutte le città una condivisione di prospettive e interventi così antica, radicata e fruttuosa tra FTS e CSV come quella che siamo riusciti a costruire in questi anni qui a Bologna anticipando anche la Riforma del Terzo Settore nelle sinergie tra associazioni di promozione sociale e organizzazioni di volontariato a favore dello sviluppo e dell’innovazione di una solidarietà al passo coi tempi e capace di dare alternative e nuove possibilità alla cittadinanza con una particolare attenzione anche alle nuove generazioni”.

Related Posts

X