L’intangibile della progettazione sociale. Un seminario a VOLABO

L’intangibile della progettazione sociale. Un seminario di Università del Volontariato. Giovedì 6 aprile 2017 dalle 18.00 alle 21.00 a Volabo, via Scipione dal Ferro, 4 a Bologna.

Nell’ambito di Università del Volontariato, VOLABO propone un seminario su un tema innovativo per la progettazione sociale: i fattori invisibili che garantiscono la buona riuscita di un progetto. È vero che un progetto, anche nel non profit, è descritto come la realizzazione di un obiettivo attraverso pianificazione, metodo e controllo ma l’esperienza diretta di lavoro di comunità rende questa definizione limitata perché non considera quel “capitale invisibile” di relazioni, condivisione di significati, riconoscimento reciproco, apprendimento e partecipazione che rende un intervento realmente generativo di benessere per la comunità locale. Concentrarsi esclusivamente sugli aspetti tecnici ed economici della progettazione sottovalutandone le dimensioni “intangibili” è un errore che rischia di fare collassare un intervento sociale perché non si dedica a creare reali possibilità di un cambiamento condiviso dalla comunità di riferimento. Il nuovo progettista è la figura che permette alla comunità di “agire il proprio cambiamento” (cit. Antonio Finazzi Agrò, presidente APIS – Associazione Italiana dei Progettisti Sociali in VDossier 3/2016, pag. 45) e con questo seminario VOLABO insieme ai diversi relatori proverà a rendere visibile, a dare voce e corpo proprio a questa alchimia.

Il seminario si svolgerà giovedi 6 aprile dalle 18.00 alle 21.00 a VOLABO ed è realizzato in collaborazione con tre partners di Università del Volontariato di Bologna ossia APIS – Associazione Italiana dei Progettisti Sociali, Istituzione per l’Inclusione Sociale e Comunitaria Don Paolo Serra Zanetti e Alma Mater Studiorium – Università di Bologna.

L’introduzione sarà a cura di Paola Atzei di VOLABO  che presenterà VDossier, rivista periodica a cura dei CSV di Bologna, Brescia, Cremona, L’Aquila, Lazio, Marche, Messina, Milano, Palermo, Rovigo, Torino e CSVNET Lombardia: “VOLABO ha intrapreso questo percorso di riflessione sulla progettazione sociale in seguito all’uscita del numero 3\2016 di VDossier dal titolo Le sette virtù della coprogettazione.  Partnership pubblico e terzo settore per costruire un welfare differente che raccoglie le analisi e le esperienze  dei CSV e di altri professionisti di settore relativamente alla collaborazione tra pubblico e privato sociale in vista di un welfare che faciliti l’emancipazione e la resilienza nella cittadinanza in maniera continuativa e sostenibile”.

Il primo intervento si intitolerà  Sostenibilità e generatività nella progettazione sociale e sarà a cura di Jamil Amirian, consulente e formatore esperto di progettazione sociale e co-fondatore di APIS. Nel suo articolo su VDossier leggiamo

La progettazione sociale, oltre a dare risposte immediate, è chiamata a sviluppare un nuovo senso di efficacia, coesione e potere, recuperando un senso di comunità attiva. (…) La sostenibilità non deriva unicamente dal valore in sé del modello di intervento sperimentato e validato, ma anche da quanto la comunità si è sentita parte della sperimentazione, ha visto riconoscere le proprie istanze, ha costruito processi di collaborazione, ha vissuto il potere di migliorare il proprio contesto sociale.

Seguirà l’intervento di Cinzia Albanesi, docente di Teoria e Metodi di Psicologia di Comunità del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna che parlerà di Relazioni, fiducia, collaborazione….. il “tempo perso” di un progetto? ossia degli aspetti relazioni più delicati e impegnativi  che richiedono una continua mediazione e revisione. In questo senso la progettazione è generativa quando ha il coraggio di investire il proprio tempo nel processo di riconoscimento reciproco e costruzione di un senso comune tra le persone coinvolte ossia in un processo che non ha mai un punto di arrivo e che va coltivato senza sosta.

Dino Cocchianella, direttore dell’Istituzione per l’Inclusione Sociale e Comunitaria “Don Paolo Serra Zanetti” del Comune di Bologna, affronterà un argomento cruciale per la progettazione sociale ossia il ruolo dell’ente pubblico come facilitatore, attivatore, catalizzatore di partecipazione. A questo scopo presenterò il progetto S.A.L.U.S W SPACE, coordinato dal Comune di Bologna (Istituzione per l’Inclusione Sociale e Comunitaria “Don Paolo Serra Zanetti”, Ufficio Relazioni e Progetti internazionali) e finanziato dal bando U.I.A. (Urban Innovative Actions) della Commissione Europea.

Cinzia Migani e Laura Pacetti di VOLABO accompagneranno la conversazione come due “voci fuori campo” cercando di riportare i singoli interventi alla quotidianità della progettazione sociale creando connessioni di tipo pratico ed esperienziale con le reti progettuali del territorio dell’area metropolitana bolognese.

Leggi e scarica il programma>>
Leggi il programma su Univol.it>>
Vdossier 3/2016 verrà distribuito ai partecipanti

Per iscriversi
Compilare la scheda di iscrizione su www.univol.it – Università del Volontariato sede di Bologna

Per informazioni e contatti:

VOLABO Centro Servizi per il Volontariato
Via Scipione dal Ferro, 4 – 40138 Bologna
Tel. 051 340328 www.volabo.it
Paola Atzei | formazione@volabo.it
Chiara Zanieri | formazione.corsi@volabo.it

Related Posts

X