Look beyond – lo sguardo oltre, la pellicola che racconta la vita del campione di rugby Ian Mckinley

Lo scorso 8 maggio, al Cinema Europa di Bologna si è tenuta la proiezione di Look beyond – lo sguardo oltre, la pellicola di Lia e Alberto Beltrami che racconta la vita di Ian Mckinley, mediano d’apertura nel Benetton Treviso e giocatore nella nazionale italiana rugby, irlandese, naturalizzato italiano.

Il film racconta una storia di possibilità, di speranza, di resilienza, ma soprattutto di tenacia e di amore fraterno.

La carriera dello sportivo era iniziata a Dublino, nel Leinster e nella nazionale giovanile d’Irlanda. Fin da giovane prometteva di diventare un campione.  Improvvisamente però nel 2010 a causa di un incidentesul campo in pochi mesi subisce un distacco di retina che lo porta alla perdita totale della vista da un occhio. Ian è costretto al ritiro, a soli 21 anni. Cerca di non perdersi d’animo, consegue il diploma di allenatore e nel 2012 e va a lavorare a Udine. Allenare è bello ma non è la stessa cosa.  E decide di non rassegnarsi.
Ian può contare sul sostegno del fratello Philip che non lo lascia solo, cerca di dandogli forza e … fa molto di più. Philip infatti conosce uno studente di una scuola di design, Johnny Merrigan che disegna una maschera protettiva, con caratteristiche particolari. Un’azienda italiana la realizza e nel 2014 la Federazione Internazionale concede l’approvazione: Ian può tornare a giocare.
Con il supporto del fratello, della famiglia e degli allenatori inizia il periodo più duro di allenamenti e di ricupero interiore. Il 2 marzo 2014 debutta nel campionato italiano e realizza due mete.
Ma la battaglia non è finita: Irlanda, Francia e Inghilterra non permettono l’uso della maschera protettiva. Ian così non può giocare proprio nella sua terra. È discriminato. Ecco allora che la famiglia mette in piedi una class action di portata mondiale, ottenendo giustizia. Ora 1.500 giocatori in tutto il mondo giocano con la protezione e i bambini con problemi di vista non sono più esclusi.
La carriera di Ian raggiunge i vertici l’11 settembre 2017 a Catania dove debutta  nella nazionale italiana, contro le Figi, segnando 3 punti.

La storia di Ian è una di quelle che colpiscono, appassionano, fanno stare bene, fanno credere che i cambiamenti veri e l’abbattimento di muri sono possibili se si mettono in campo tutte le proprie forze, insieme a quelle di chi ci vuole bene.

Per informazioni:
http://auroravision.it/portfolio/lo-sguardo-oltre/
Pagina Facebook | @losguardooltre

Related Posts

X