Ombre della sera

Foto tratta da www.ombredellasera.com

I detenuti di Rebibbia si raccontano in un film documentario

Quanto è difficile rientrare in famiglia e inserirsi nel mondo del lavoro dopo un periodo trascorso in carcere? La strada per la libertà va oltre gli anni da espiare dietro le sbarre, perché una volta fuori bisogna ricostruirsi di nuovo una vita. L’articolo 27 della Costituzione italiana assegna alla pena detentiva la funzione di “sostenere e accompagnare i cittadini reclusi in un percorso di rieducazione e di riabilitazione che dovrebbe metterli in grado, scontata la condanna, di reinserirsi nella società civile, anche grazie al lavoro”. Tuttavia la società conosce ancora molto poco di questo cammino di liberazione, perché da molti il carcere è visto come luogo di espiazione fine a se stesso.
Questo è il tema del lungometraggio “Ombre della sera”, nel quale 5 detenuti in misura alternativa ed ex detenuti del carcere di Rebibbia sono gli interpreti e raccontano il percorso di reinserimento familiare e sociale. 5 protagonisti che a loro volta hanno vissuto e stanno vivendo questa difficile condizione: Alessandro Bernardini, Matteo Cateni, Romolo Napolitano, Giancarlo Porcacchia e Sandro Verzili.
Le loro tormentate storie si intrecciano e le seguiamo in maniera intima e partecipata nel loro ritorno a casa: la ricostruzione degli affetti e delle relazioni sociali, le difficoltà ad accettare i cambiamenti avvenuti nel mondo che avevano lasciato, la ricerca di una nuova identità. Gli interpreti del film si muovono tra vita reale e finzione narrativa, tra documentario e fiction, dove non è più possibile distinguere l’una dall’altra. “Ombre della sera” è un progetto di arte sociale e di impegno civile, nel quale si mischiano poesia, denuncia, fotografia e realtà e finzione.
La sceneggiatura e la regia sono di Valentina Esposito, che nel 2014 ha fondato e condotto Fort Apache Cinema Teatro, un laboratorio di formazione teatrale permanente esterno al Carcere coi detenuti ed ex detenuti di Rebibbia. Il film è stato candidato ai Nastri D’Argento 2017 nella sezione Docu-Film, ha ottenuto la Menzione Speciale al Bafici Film Festival di Buenos Aires.

Guarda il trailer

Related Posts

X