Politiche per la disabilità tra “durante” e “dopo” di noi

La Camera ha da pochi giorni approvato la legge sul cosiddetto Dopo di Noi, ovvero sui servizi e gli interventi per le persone disabili non in grado di provvedere a se stesse una volta venuto meno il sostegno della famiglia. Un tema presente nel dibattito sulla disabilità, tra luci e ombre, almeno da 20 anni. In Parlamento poi va avanti inoltre l’iter per il riconoscimento del lavoro di cura prestato dai famigliari delle persone non autosufficienti tra le mura domestiche e per evitare la loro istituzionalizzazione, in sintesi il dibattito sui cosiddetti “care giver. Tema fortemente connesso se non per certi versi sovrapponibile al primo la dove si voglia ragionare sul fatto che il “dopo di noi” è anche frutto della qualità del “durante noi”.

Molte e sfaccettate le posizioni sia tra i partiti che nel mondo associativo, con forti perplessità che giungono dalla FISH, la più importante federazione, assieme alla FAND, delle associazioni del mondo della disabilità.

Panorama e dibattito in corso
(dal sito della Redazione degli Sportelli Sociali)

Related Posts