Superbonus 110%, le ultime indicazioni per il Terzo settore

In attesa delle prescrizioni definitive della conversione in legge, il decreto n. 39/2024 prevede la soppressione dell’agevolazione per Onlus, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale, a parte alcune eccezioni

Con il dl n. 39/2024 il Governo è intervenuto con misure urgenti in materia fiscale e relative all’amministrazione finanziaria.

Per quanto interessa le organizzazioni non profit, il provvedimento interviene sul cosiddetto Superbonus 110% apportando importanti modifiche al pregresso quadro normativo per le Onlus, Odv e Aps.

La soppressione del Superbonus 110%

Viene eliminata la possibilità di ricorrere alle opzioni per lo sconto in fattura o la cessione del credito per interventi edilizi per Onlus, Odv e Aps, ossia tra le categorie di soggetti che sinora potevano ancora usufruirne (art. 1 che sopprime il primo periodo del comma 3-bis dell’art. 2 d.l. n. 11/2023).

Il periodo – oggi abrogato – prevedeva infatti che l’eliminazione della possibilità di usufruire delle citate opzioni già contemplata per talune categorie di soggetti non si applicava ai soggetti di cui all’art. 119, comma 9, lett. c), d) e d-bis) d.l. n. 34/2020, ossia – per quanto di interesse – alle Onlus, alle OdV e alle Aps. Soggetti, quest’ultimi, che in forza di quella norma potevano continuare a usufruire di quelle opzioni per interventi edilizi.

La disposizione presente oggi nel dl. n. 39/2024 prevede proprio la soppressione di tale periodo “salvifico”, facendo sì che adesso anche le Onlus, le Odv e le Aps non possano più ricorrere all’utilizzo delle citate opzioni.

Condizioni per cui resta possibile

Il decreto legge specifica che dal 30 marzo 2024 (data della sua entrata in vigore) la facoltà di cessione del credito e sconto in fattura, relativamente alle Onlus, Odv e Aps, resta possibile sulla base di precise e assai stringenti condizioni possedute da questi soggetti prima dell’entrata in vigore dello stesso decreto.

In particolare, per gli interventi delle Onlus, Odv e Aps non inclusi in condominio e per i quali il titolo abilitativo dell’intervento è rappresentato dalla Cila, le condizioni (possedute prima dell’entrate in vigore del dl. n. 39/2024) per continuare a usufruire della cessione del credito e dello sconto in fattura sono rappresentate dalla presentazione di Cila e dalla sottoscrizione di un accordo vincolante per la fornitura di beni e servizi relativi ai lavori, accordo che non deve necessariamente avere natura di appalto, ben potendo essere rappresentato, ad esempio, da un cosiddetto contratto di global service.

Prossimi sviluppi

Ciò considerato, il decreto legge è attualmente in fase di conversione in legge al Senato in cui potrebbe essere evidentemente modificato.

 

Approfondimenti

  • Leggi gli altri aggiornamenti del portale di VOLABO relativi al tema Agevolazioni fiscali >>
  • Leggi gli aggiornamenti sulla riforma del Terzo settore e le altre normative di interesse per gli enti di Terzo settore nella sezione del portale di VOLABO denominata News dalla consulenza >>

 

 

Fonte www.cantiereterzosettore.it | Notizia censita da VOLABO il 19/04/2024.
Notizia del 18/04/2024 di Chiara Meoli | Cantiere terzo settore.
Foto e licenza d’uso acquisita attraverso depositphotos.com.
Le informazioni contenute in questo sito sono tratte dalle fonti ufficiali del portale della realtà che le ha pubblicate. Vengono ricontrollate più volte e con cura dalla redazione. VOLABO non è responsabile di eventuali inesattezze dovute a sviste o cambiamenti di contenuti non tempestivamente segnalate. Si invitano i lettori a usare l’area News dalla consulenza del portale di VOLABO come uno strumento di consultazione e di ricerca e di riferirsi alle fonti originali per reperire i contenuti e la documentazione ufficiale.

 

Related Posts