Tornano gli appuntamenti di Oltre la Siepe e Sante Zennaro Bene Comune

La fragilità è desiderio di ascolto, di gentilezza, di servizio a sé e agli altri
e ci consente di sfuggire al fascino stregato delle ideologie,
al deserto dell’indifferenza e dell’egoismo, dell’aggressività e della violenza.
Eugenio Borgna

Questa è la citazione che apre la nuova stagione di Oltre la Siepe – La salute mentale è un diritto di tutti, anche il tuo, il consueto programma di eventi imolesi volto a stimolare interesse, generare conoscenza, accendere i riflettori sui temi legati alla salute mentale. Da marzo a giugno le cittadine e i cittadini potranno partecipare ai laboratori gratuiti dei diversi progetti Teatro e Salute Mentale, alle iniziative sportive e ai tanti altri eventi culturali proposti, come reading, spettacoli, convegni, cene.

Liberando ci liberiamo è lo slogan che accompagna questa edizione di Oltre la Siepe. Liberare significa recuperare per tutti il diritto di ammettere ed esprimere le proprie fragilità e i propri bisogni. L’esercizio di questo diritto permette di liberare se stessi e, al contempo, comprendere, accogliere e rispettare anche le necessità dell’altro che si trova a vivere una condizione di fragilità.
Da questo punto di vista l’esperienza dei manicomi, con la loro chiusura, ha insegnato molto: liberando i reclusi è stato affermato il diritto per tutti e tutte di avere delle fragilità, che debbono poter essere portate ed espresse senza vergogna.

Tuttavia c’è ancora molto da fare per liberarsi dalla paura di sentirsi deboli o di riconoscere e accogliere le debolezze altrui. Questa paura spesso porta nascondere le fragilità mettendo una distanza tra chi chiede o potrebbe chiedere aiuto e chi potrebbe offrirne. Essere deboli è anche un diritto, e come tale va recuperato, agito.
Partendo da queste riflessioni, la kermesse di eventi intende aprire una porta verso questa chiave di lettura della libertà.

All’interno di Oltre la Siepe proseguono anche gli appuntamenti del progetto Sante Zennaro Bene Comune. Dopo le visite guidate al complesso nelle Giornate FAI di primavera (23 e 24 marzo scorsi), sabato 1 giugno Sabato 1 Giugno si svolgeranno Le passeggiate patrimoniali al Sante Zennaro.  Testimoni che lo hanno vissuto e ne conservano memoria, narreranno storie e condivideranno i ricordi del luogo. Poi, dal 14 al 16 giugno si terranno la presentazione della mappa interattiva realizzata dagli studenti del CIOFS in un laboratorio e la premiazione del concorso fotografico sul Sante Zennaro.

Fuori dal programma di Oltre la Siepe segnaliamo un altro appuntamento del progetto Sante Zennaro  Bene Comune.  Lunedì 8 aprile, alle 17, presso la Biblioteca della Salute mentale e delle Scienze umane “Minguzzi-Gentili”, in via Sant’Isaia, 90 a Bologna, sarà presentato il libro di Amedea Morsiani Storia di vite. Sante Zennaro Bene Imola Comune, pubblicato con Bacchilega Editore e realizzato con la collaborazione di Associazione PerLeDonne Imola. L’opera, attraverso la raccolta di documenti e testimonianze, narra la storia del passaggio del Sante Zennaro da istituto medico psico-pedagogico a centro di servizi.
La serata sarà introdotta e moderata da Bruna Zani, Presidente dell’Istituzione Gianfranco Minguzzi e docente universitaria. Interverranno Maria Rosa Franzoni Presidente dell’Associazione PerLeDonne, Cinzia Migani, direttora di VOLABO ed esperta nelle tematiche che riguardano la salute mentale, Giancarlo Rigon, neuropsichiatra infantile.
Durante l’incontro sarà possibile acquistare copia del libro. Il ricavato sarà destinato a finanziare il restauro di una delle sculture del parco del complesso Sante Zennaro. | Per approfondimenti sul libro>>Scarica il volantino dell’evento>>

 

Per informazioni:
Scarica il programma di Oltre la Siepe>>
338 3874547
Facebook | @oltrelasiepe.imola
Instagram | @oltrelasiepeimola

Related Posts

X