“WORKing PINK”: un percorso formativo e un luogo d’incontro per donne in cerca di occupazione

Il prossimo 15 marzo a Bologna partirà la seconda la seconda edizione di “WORKing PINK”, il progetto promosso dalle Acli provinciali per supportare le donne disoccupate o inoccupate italiane e non, offrendo loro uno spazio di confronto e strumenti utili a una ricerca efficace del lavoro, alla corretta valorizzazione delle proprie competenze e qualità, al contrasto della sensazione di disagio che spesso si vive quando si cerca un lavoro. Si tratta di un percorso formativo di cinque incontri di gruppo a cadenza settimanale coordinati da professionisti, che si terranno tutti i giovedì dalle 10 alle 12 presso la sede delle Acli provinciali di Bologna, in via delle Lame 116. Il primo appuntamento si intitola Donne e lavoro: esperienze e bisogni a confronto; il secondo Ascolto attivo e comunicazione assertiva; il terzo La ricostruzione della biografia professionale, il quarto Ricercare lavoro: come essere efficienti e non lasciarsi “schiacciare” dalle difficoltà, il quinto Il colloquio, conclusione e valutazione.

“WORKing PINK” punta ad essere un luogo dove donne che condividono difficoltà lavorative simili ma con provenienze, competenze e profili professionali eterogenei abbiano l’opportunità di conoscersi, scambiarsi opinioni e condividere esperienze. Il contesto di gruppo favorisce un sostegno emotivo e relazionale reciproco, in grado di alleviare la sensazione di inadeguatezza e disagio che emerge durante la complessa ricerca di una occupazione. Le partecipanti avranno l’opportunità di incontrarsi anche dopo il percorso formativo in appositi incontri che saranno organizzati successivamente per continuare a confrontarsi e aggiornarsi sulle opportunità lavorative.

La prima edizione del corso di orientamento, che è stata riservata a donne con una conoscenza della lingua italiana livello lingua madre o almeno C2, è già in essere e si concluderà simbolicamente l’8 marzo, data scelta per rinforzare il messaggio sull’importanza del ruolo rivestito dalla donna in ambito lavorativo. Il corso in partenza a metà marzo sarà invece dedicato a chi possiede un livello  base A1 e A2 che verrà testato previamente durante un colloquio conoscitivo. Durante l’arco dell’anno sarà comunque replicata l’iniziativa, per garantire l’accesso a tutte le donne che ne abbiano bisogno e vogliano mettersi in gioco.

Il progetto è interamente gestito da volontari e la partecipazione è gratuita. È necessaria soltanto la sottoscrizione della tessera Acli al costo di 15€ per motivi assicurativi. Tuttavia, qualora le partecipanti siano ospiti di centri di accoglienza o realtà simili per cui già usufruiscono di una copertura assicurativa per le attività esterne è sufficiente quella. Se la spesa di 15 € non fosse sostenibile per una delle partecipanti è possibile parlare con gli organizzatori per poter accedere ugualmente.

Per informazioni:
le persone interessate o le realtà associative e gli enti che vogliano segnalare potenziali partecipanti possono chiamare lo 051 0987719 o mandare una mail a acliprovincialibologna@gmail.com.

Related Posts

X