“WORLD-MAKING. Per un nuovo protagonismo del TERZO PILASTRO”: GdB 2020 Digital Edition

XX edizione de "Le Giornate di Bertinoro per l'Economia Civile"

Per il ventesimo anno consecutivo, come ogni autunno, il 9 e 10 ottobre AICCON organizza Le Giornate di Bertinoro per l’Economia Civile, una fucina dove personalità del mondo accademico, dell’Economia Sociale e del Volontariato e delle istituzioni insieme ad una community di studenti e giovani imprenditori sociali si incontrano per riflettere e conversare sui temi che riguardano un’economia e uno sviluppo sostenibili.

Le GdB 2020 propongono un nuvo format e diverse modalità di partecipazione rispetto al passato, dando vita a una edizione digitale nata dalla volontà di esserci, di ripartire, di non perdere l’opportunità di continuare le riflessioni e le conversazioni che da oltre 20 anni promuovono pensiero e innovazione sui temi legati all’Economia Civile.

Quest’anno, che è un anno particolare, dove la resilienza, la trasformazione e la necessità di ripensare a tutto il sistema sono più che mai pressanti e attuali, il tema portante che dà il titolo alle Giornate è WORLD-MAKING. Per un nuovo protagonismo del TERZO PILASTRO, cioè la comunità civile.

L’emergenza che stiamo vivendo – scrive AICCON introducendo il programma delle Giornate – impone l’esigenza di “ri-attivare” percorsi di sviluppo a prova di futuro, percorsi pragmatici e trasformativi. Molto probabilmente stiamo iniziando una lunga “fase di transizione”, un momento privilegiato per sperimentare soluzioni innovative capaci di “resistere” al tempo e di proporsi come prototipi di un nuovo welfare e di una nuova economia più inclusiva. Lo shock che ha investito il mondo si sta dimostrando un fattore in grado di accelerare “la domanda di cambiamento” e di ridurre ulteriormente la platea di coloro che lottano per “continuare a fare come prima”. Il Coronavirus ha certamente dato un duro colpo al misoneismo (l’avversione all’innovazione), ma occorre ora capire il senso (il significato e la direzione) di una nuova strategia.

Un’idea per una nuova strategia viene proprio dal libro di Raghuram G. Rajan Il terzo pilastro. La comunità dimenticata da stato e mercati, a cui si ispira il titolo di questa edizione de Le Giornate di Bertinoro.  Nella sua opera il noto economista indiano esplora l’interazione reciproca tra le tre colonne portanti della società (lo Stato, i mercati, la comunità in cui viviamo), cercando di spiegare perché le cose stanno iniziando a guastarsi e come sia possibile virare verso una situazione più stabile e sicura. Tutta l’economia –  si può leggere nella presentazione del libro – in realtà è socioeconomia: i mercati sono inseriti in una rete di rapporti umani, di norme e di valori, e Rajan mostra come nel corso della Storia il passaggio a una nuova fase tecnologica abbia sempre strappato il mercato dalle vecchie reti, suscitando quelle violente reazioni che oggi definiamo populismo. Ogni volta si perviene a un nuovo equilibrio, ma il processo può essere violento e caotico, soprattutto se svolto nel modo sbagliato, come sta accadendo oggi. A mano a mano che i mercati crescono, crescono anche gli Stati, concentrando il potere economico e politico in hub centrali che.prosperano condannando la periferia alla decomposizione, metaforica e letterale. Rajan offre un’alternativa, un modo per ripensare il rapporto fra mercato e società civile, e si esprime a favore di uno spostamento dell’enfasi verso il rafforzamento del potere e della vitalità delle comunità locali come antidoto alla disperazione e al malcontento crescenti. 

Attorno a queste formulazioni di pensiero si svilupperanno sessioni, keynote, GDB talk e presentazioni di dati e ricerche che proporranno un confronto sulla necessità di un diverso ordine sociale capace di immaginare e generare futuro. | Scarica e leggi il concept note dell’iniziativa>>

È possibile iscriversi gratuitamente per seguire la diretta streaming a questo link: https://www.legiornatedibertinoro.it/iscrizione/

Per informazioni:

http://www.legiornatedibertinoro.it/
AICCON | Tel 0543.62327 | ecofo.aiccon@unibo.it

Related Posts